11 chicche affascinanti da sapere sui cocktail e sul bartending

5th agosto 2017
11 chicche affascinanti da sapere sui cocktail e sul bartending

Sai a quali liquori si dedicano canzoni durante l’invecchiamento? Quante bollicine ci sono in una bottiglia di champagne? Che aspetto avevano i primi shaker? Se non sai rispondere a queste domande, continua a leggere!

Le nostre chicche preferite su cocktail e bartending

Perché brindiamo

  1. PERCHÉ BRINDIAMO?

Torniamo indietro nel tempo. Gli antichi romani mettevano un pezzo di pane tostato nel vino come augurio di buona salute. Lo facevano anche con il vino dei loro compagni di bevute e da qui nasce l’espressione inglese “to toast”, che significa appunto brindare.

Ti piacerebbe iniziare la carriera da barman? Scopri cosa può fare per te EBS!

  1. UNA CANZONE PER I LIQUORI

È bello cantare sotto la doccia per iniziare al meglio la giornata, ma che ne pensi di dedicare una canzone ai tuoi drink (ehm, forse è già successo quando ne hai bevuti un po’ troppi…)? Alla Hudson Bourbon i barili ascoltano il dubstep, mentre i produttori del liquore Mozart al cioccolato fondente allietano le botti con la musica di Mozart.

  1. LA REGOLA DEI 3 SORSI

Sapevi che in Texas, negli Stati Uniti, è proibito bere più di tre sorsi di birra quando si è in piedi?! Vorrà dire che assaporeremo il nostro drink comodamente seduti… shaker per cocktail pinguino

  1. SCUOTI IL PINGUINO

Nessuna crudeltà contro gli animali: stiamo parlando di shakerare un cocktail in un barattolo a forma di pinguino. Infatti, i primi shaker da cocktail erano proprio a forma di pinguino… Decisamente una delle cose più assurde da sapere sui cocktail!

  1. TUTTI PAZZI PER IL MARGARITA

Quanti Margarita si possono bere in un’ora? Noi diremmo due o tre al massimo, ma sapevi che negli Stati Uniti ogni ora vengono consumati 185.000 Margarita? Non c’è da stupirsi che sia il cocktail più popolare del paese!

Gira il mondo con un diploma da barman

  1. SAN BELLINI

Ti sei mai chiesto da dove viene il nome Bellini? Il suo creatore, Giuseppe Cipriani, riteneva che la bevanda rosa assomigliasse alla toga di un santo presente in un dipinto di Giovanni Bellini e decise quindi di dare al cocktail lo stesso nome dell’artista. Che assomigli o meno a una toga, noi ne ordiniamo due!

  1. L’INVENTORE DEL TIKI

Ernest Raymond Beaumont Gantt è riconosciuto come l’inventore dei tiki bar e di diversi cocktail, tra cui lo Zombie. Nel 1933 aprì un piccolo bar a Hollywood chiamato Don the Beachcomber’s e lo decorò con oggetti che collezionati durante i suoi viaggi nel Pacifico meridionale. Il bar ebbe un successo immediato, non solo tra gli abitanti del posto, ma anche tra celebrità come Charlie Chaplin! Ernest alla fine decise di cambiare legalmente il nome in “Donn Beach”, dimostrando il suo amore per il bar e per la cultura tiki.

  1. TUTTO MA NON RINFRESCANTE

Vuoi pubblicizzare il tuo nuovo cocktail o liquore? Beh, non dire che è rinfrescante! Questa parola è bandita quando si parla di alcolici.

  1. ANANAS A PORTO RICO

Sai qual è la bevanda nazionale di Porto Rico? Se ti piacciono i frutti tropicali, te ne innamorerai! È la Piña Colada!
cose sorprendenti sui cocktail

  1. BOTTIGLIE AL QUADRATO

Ti sei mai chiesto perché la bottiglia di Jack Daniels è quadrata? In realtà, è per un motivo molto pratico. Oltre a essere originali e a distinguersi dalle altre bottiglie di bourbon, quelle quadrate non rotolano e non si rompono durante il trasporto. Sono le stesse dal 1895.

  1. FATTI FRIZZANTI

Ci sono circa 49.000.000 bollicine in una bottiglia di champagne! La pressione di una bottiglia è tre volte superiore a quella di uno pneumatico, quindi fa’ attenzione quando ne stappi una!

Hai già letto il nostro blog su come diventare un barman?

kirsty

kirsty

Kirsty is the Content Writer at EBS. In her free time, she likes sipping on Espresso Martinis, watching videos of funny dogs, and exploring the city. Originally from Scotland, she has spent many summers working and living in different European cities.